SERVI

DEL CUORE IMMACOLATO DI MARIA

La Famiglia Religiosa denominata “Istituto dei Servi del Cuore Immacolato di Maria” nasce il 13 Maggio 1991 ed è stata eretta come Istituto di diritto diocesano il 19 Giugno 1993 dall’allora Rev.mo Abate e Vescovo di Subiaco Mons. Stanislao Andreotti.

Oggi l’Istituto trova la sua sede legale e principale presso la Diocesi di Roma, in via di Villa Troili 56.

La sigla dell’Istituto in tutte le Nazioni è I.C.M.S. (Immacolati Cordis Mariae Servi).
Il titolo “Servi del Cuore Immacolato di Maria” vuole indicare la particolare offerta della propria consacrazione a Dio attraverso il Cuore Immacolato di Maria.
Come la Santa Vergine si è offerta totalmente al servizio della persona e dell’opera del Figlio Suo e nell’Annunciazione proclama : “Eccomi sono la Serva del Signore” (Lc 1, 38) così i Servi del Cuore Immacolato di Maria consacrano la propria vita a Dio scegliendo Maria come propria padrona, maestra, guida al fine di operare per la salvezza dell’uomo in Cristo. Lo Spirito Santo li rende attenti ai segni dei tempi e fa loro riconoscere nel messaggio di Fatima un aiuto proveniente dal Cielo in grado di curare i mali che insidiano l’umanità. Pertanto essi si impegnano a realizzare la volontà di Dio annunciata dalla stessa Vergine ai tre pastorelli a Fatima il 13 Giugno 1917: “Dio vuole stabilire nel mondo la devozione al mio Cuore Immacolato di Maria”.

Il carattere mariano dell’Istituto è espresso nello stemma che rappresenta il Cuore Immacolato di Maria e nel motto “Per mezzo del mio Cuore Immacolato portate Cristo al mondo”.
Contemplando Maria che compie la volontà di Dio, i Servi del Cuore Immacolato di Maria vogliono imitarLa accogliendo Cristo, vivendoLo nella propria santificazione e cooperando con il loro impegno apostolico a generarLo negli uomini (EEVR 53; LG 64-65).

Esprimono, pertanto, il proprio amore indiviso a Cristo accogliendo il dono di una più stretta sequela di Lui, tramite la pubblica e perpetua professione dei Voti di Castità, Povertà e Obbedienza (cfr EEVR 7).
Inoltre professano uno speciale quarto voto di fedeltà e obbedienza alla persona del Santo Padre e al suo Magistero (cfr. CIC 590 § 2), consapevoli della perenne ed insostituibile validità del suo insegnamento e certi che soltanto “ubi Petrus ibi Ecclesia”. In questa salda dipendenza dal Romano Pontefice essi trovano la fonte, l’incremento e la difesa dell’universalità della loro consacrazione religiosa e della loro azione apostolica.
Infatti sostenuti da quella medesima carità che lo Spirito Santo ha infuso nel Cuore Immacolato di Maria, i Servi del Cuore Immacolato di Maria, come religiosi, donano la propria vita a Cristo nel servizio apostolico al Suo Corpo che è la Chiesa.

Vedendo gli squilibri e le angosce dell’umanità, inquinata dall’ateismo sistematico, dal secolarismo e dal permissivismo, che tanto gravemente insidiano i valori fondamentali della norma morale cristiana, sentono l’urgenza della Parola salvatrice di Gesù: “Convertitevi e credete al Vangelo” (Mc 1,15) ed, accogliendo l’accorato appello alla conversione e alla penitenza che il Cuore Immacolato di Maria rivolge all’umanità da Fatima, essi promuovono nel popolo di Dio:

  1. Un rinnovato spirito di preghiera, privilegiando la recita del S. Rosario, per condurre ad una autentica conversione di vita.
  2. La vita sacramentale e in special modo la frequenza ai sacramenti dell’Eucaristia e della Riconciliazione, favorendo l’adorazione eucaristica.
  3. La vera devozione alla Madonna e la consacrazione al Cuore Immacolato, al fine di cooperare al suo trionfo.
  4. La fedeltà al Papa e al Magistero della Chiesa.
  5. La diffusione e la difesa delle verità di fede. A questo fine combattono, con ogni mezzo, gli errori del tempo.

Per realizzare queste finalità si impegnano nei seguenti ambiti di apostolato:

  • MISSIONI AL POPOLO
    A favore di una nuova evangelizzazione e di un rinnovamento periodico e vigoroso della vita cristiana, i Servi del Cuore Immacolato di Maria si impegnano a dare missioni al popolo; privilegiano in esse l’aspetto mariano, presentando agli uomini la funzione materna di Maria Serva del Signore, Mediatrice tra Dio e l’umanità, affidando a Lei il loro mandato missionario.
  • ESERCIZI SPIRITUALI
    Offrono la loro esperienza spirituale al clero diocesano, ai consacrati e ai laici, attraverso esercizi, ritiri spirituali e incontri di preghiera.
  • CULTO EUCARISTICO
    Promuovono l’adorazione Eucaristica affinché nel cuore dei cristiani ritorni l’amore e il dovuto rispetto a questo Sacramento.
  • IL SANTO ROSARIO
    Nello spirito del Messaggio di Fatima, i Servi del Cuore Immacolato di Maria promuovono nel popolo di Dio la recita del Santo Rosario, spiegando il valore di questa preghiera voluta dal Cielo, raccomandata dai Pontefici e oggi tanto abbandonata, educando, attraverso di essa, il popolo di Dio alla meditazione, secondo il desiderio espresso dalla Madonna a Fatima.
  • GLI STRUMENTI DELLA COMUNICAZIONE SOCIALE
    I Servi del Cuore Immacolato di Maria utilizzano tali strumenti per aiutare il popolo di Dio a vivere la propria fede cristiana, per vincere l’ignoranza religiosa e combattere gli errori del tempo (Cfr. IM 13).
    Per diffondere l’annuncio del Vangelo e divulgare il Messaggio di Fatima, i Servi del Cuore Immacolato di Maria si impegnano alla diffusione della buona stampa. Le loro attività apostoliche sono sempre accompagnate dalla distribuzione di opuscoli, libri e periodici adatti alle diverse categorie di fedeli.
  • LA PROMOZIONE CRISTIANA DELLA GIOVENTU’
    L’Istituto dei Servi del Cuore Immacolato di Maria favorisce la promozione cristiana della gioventù attraverso:
    • missioni vocazionali per far riscoprire a ciascuno la propria particolare chiamata da parte di Dio (alla vita consacrata, sacerdotale diocesana, matrimoniale, etc.);
    • esercizi, ritiri, incontri e conferenze adatte alle esigenze della loro età;
    • la cura pastorale negli oratori giovanili;
    • gli strumenti della comunicazione sociale per favorire la loro formazione cristiana.
    Offre ai giovani un ambiente familiare, con la possibilità di incontri culturali, di preghiera, caritativi e ricreativi, per educarli a maturare nella loro fede e al retto uso del tempo libero.
  • EVANGELIZZARE ATTRAVERSO LA CARITA’
    Al seguito di Cristo povero, i Servi del Cuore Immacolato di Maria si sentono solidali con i più poveri e li servono con l’amore e l’attenzione di Cristo. Fanno proprie le loro ansie e preoccupazioni, offrendo quanto necessario per la loro promozione umana e spirituale, condividendo con loro anche il necessario, quando la situazione lo richiedesse.
    Nell’esercizio della carità tengono sempre presente che la loro azione è apostolica ed è rivolta alla salvezza delle anime.
  • COOPERAZIONE ALLA MISSIONE APOSTOLICA DEL SANTO PADRE
    Confortati dalla materna preoccupazione verso la persona e l’opera del Santo Padre, espressa dalla Vergine Maria a Fatima, i Servi del Cuore Immacolato di Maria sentono di dare una speciale disponibilità a servizi apostolici richiesti dal Santo Padre, in risposta ad esigenze particolari della sua persona e della Chiesa. Vedendo insieme con il Santo Padre albeggiare una nuova epoca missionaria, collaborano alla sua azione missionaria per non sottrarsi al dovere supremo di annunziare Cristo a tutti i popoli (RMi 1; 92).
  • AIUTO AL CLERO E SERVIZIO ALLA CHIESA LOCALE
    I Servi del Cuore Immacolato di Maria aiutano i sacerdoti e i religiosi nella loro formazione permanente e nel loro ministero attraverso confessioni, predicazioni di tridui, novene, esercizi e ritiri spirituali.
    Si rendono anche disponibili per la formazione degli aspiranti alla vita sacerdotale e consacrata. Inoltre essi esercitano il servizio alla Chiesa locale in armonia con i piani pastorali diocesani.

Si impegna, pertanto, a viverne lo spirito e a sostenerne le opere, collaborando attivamente al suo interno, anche nella formazione spirituale dei suoi membri.
Tale appartenenza è parte costitutiva della sua consacrazione e identità di Servo del Cuore Immacolato di Maria.